Translate

domenica 2 febbraio 2014

CIAO, TU Beatrice Masini e Roberto Piumini

























Titolo: Ciao, tu
            Indovinami. Scoprimi. Sappimi.
Autore: Beatrice Masini e Roberto Piumini
Editore: Rizzoli
Pagine: 77

Prezzo: 10,00















Viola, quindici anni, manda dei biglietti a Michele, un compagno di classe. Ma non gli rivela chi è.
Michele sta al gioco, prima un po' freddino, poi più coinvolto.
I biglietti diventano sempre più lunghi, sempre più fitti.
E viene il desiderio di incontrarsi.













Questo libro mi è stato consigliato da una persona, a me, cara:
la mia libraia, la libraia di quando ero piccola e alta sì e no un metro e trenta;
ricordo, mettevo i risparmi della paghetta da parte per comprare un libro, e lei raccontava trame e spiegava intrecci, sempre in quel modo magico che le appartiene, da non riuscire a smettere di leggere.
Mi sono appassionata là dentro, in quella magica libreria ci passavo pomeriggi interi a leggere e parlare e ascoltare, o anche solo a sentire quel profumo caldo di libro nuovo, che ti penetra nel naso e si accomoda nel cuore.
E qualche giorno fa, anche se poco più alta di un metro e trenta, con qualche anno in più sulle spalle e molti altri libri nel cuore, sono tornata là, nel mio posto magico da bambina;
constatando con emozione che quel profumo buono c'è ancora, che la mia lei racconta ancora storie, e narra trame e spiega sogni, in quel modo lì che le appartiene e che poi, tutto intorno, non è che fosse cambiato granché.
Così sono tornata a casa con CIAO, TU ed ero già sicura che mi sarebbe piaciuto moltissimo.
L'ho letto in un'ora con il cuore a mille;
è un libro stupendo,  scritto con la debolezza dell'amore e con l'insicurezza che regala la vita nelle prime battute e che a volte, dura per sempre.
Non è un libro da ragazzi, o meglio, non è solo per loro.
È per tutte le persone che sono state innamorate, per quelle che si sono buttate a capofitto in qualcosa che faceva una paura tremenda, e per quelle che hanno già vissuto qualcosa di simile, o per altre, che sognano di viverlo.
Un libro ingenuo, tenue e spontaneo.
Un libro da indovinare, da scoprire e da sapere.













“Io invece so di te le seguenti cose:
che hai il naso un po' storto (botta da piccolo? zuffa alle medie? volo dalla pertica?);
che hai gli occhi color chicco d'uva;
che sei troppo, troppo magro;
che sei tanto, tanto carino.
Mi basta, per adesso.
Certo, ti amo è una parola grossa. Diciamo che ti, e basta.
E adesso indovinami.”